Joyce Andrade

Che differenza c’è tra un Vegetariano e un Vegano???

download (1)

vegetariani, chiamati un tempo ovo-latteo-vegetariani per evidenziare il tipo di alimenti assunti, sono coloro che seguono una dieta in cui non vi siano parti del corpo di un animale, ma che può comprendere prodotti di origine animale, come miele, latte e uova, e dei loro derivati (come formaggi o prodotti che li contengono, es. le torte).

I vegani, chiamati anche vegetariani stretti o vegetaliani, sono coloro che non mangiano nulla che abbia un’origine animale, quindi non mangiano carne e pesce ma neanche latte, prodotti caseari o uova. La motivazione per cui i vegetariani non mangiano neanche i derivati è determinata dalla possibile sofferenza che la privazione (latte) o produzione (uova) ha determinato nell’animale. Ovvero, la produzione del latte determina una privazione del latte al cucciolo dell’animale che lo produce. Prendendo ad esempio il latte di mucca la sofferenza può essere determinata da due fattori: il primo è che il vitello viene svezzato prima del tempo solito in natura, e quindi allontanato anzitempo dalla madre; il secondo è che, per garantire una produzione continua di latte, le mucche “da latte” sono fecondate con embrioni di mucche dette “da carne” (ovvero la carne è il prodotto per cui sono allevate), in modo tale che l’allontanamento precoce dei vitelli possa comunque produrre un reddito tramite la macellazione degli stessi. Nel caso delle uova la sofferenza è individuata dalla forzatura alla produzione, come negli allevamenti in batteria. Altra possibile motivazione della scelta vegana è la considerazione che l’uomo non è onnivoro, ma frugivoro.

3 commenti su “Che differenza c’è tra un Vegetariano e un Vegano???”

    1. Ciao Valentina, le proteine non si trovano nella verdura, come hanno detto alcuni, ma nei semi, come i legumi (fagioli, lenticchie, soya, ceci, piselli, arachidi), o quelli che chiamiamo frutta secca (mandorle, noci, nocciole, anacardi, etc) questi ultimi anche fonte di grassi (non tutti dannosi, ma meglio non esagerare). Il modo migliore per ottenere le proteine senza grassi è mangiare germogli (soya, alfalfa, puoi far germogliare tutti i legumi che vuoi, sono tutti buoni).
      In quanto semi, anche i cereali contengono proteine, anche se sono più conosciuti per il loro apporto di carboidrati. Per esempio, col grano si fa il seitan, che è un famoso surrogato della carne.
      In asia si usa anche il tofu, un formaggio fatto cagliando il latte di soya, e il tempeh, ovvero una massa di soya fermentata tenuta insieme da una muffa commestibile, tipo certi formaggi nostri, che si può tagliare a cubetti.

      Importante è anche avere una dieta molto variegata, perché le proteine si combinano tra di loro e creano altre proteine, come le lettere a scarabeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.