Joyce Andrade

Tartare di seitan allo zenzero

Buongiorno mondo green, la tartare è una preparazione di carne o pesce crudo tritata finemente al coltello, cui si può aggiungere condimenti o salse, come cipolla, capperi, succo di limone, aceto balsamico. Abitualmente una tartare si serve sopra un toast. tartare-di-seitan-allo-zenzero Racconta la leggenda che il piatto prende il suo nome dai tártari delle steppe del centro di Asia, ma in realtà proviene dalla salsa tártara che accompagnava la ricetta originale. Nella cucina piemontese troviamo anche un piatto fatto con carne tritata (battuta al coltello) e aglio, la cosiddetta “carne cruda”. Varie versioni di tartare esistono poi nella maggior parte delle regioni dell’Italia settentrionale. Nella cucina romagnola, ad esempio, la “carne cruda” è un macinato di girello o girello di spalla, lasciato a marinare in abbondante succo di limone, olio d’oliva, sale e pepe. tartare-di-seitan-allo-zenzeroNoi la abbiamo trasformata in un piatto vegetale, usando il seitan. Il risultato di questa tartare green è molto interessante, provatela. tartare-di-seitan-allo-zenzerologo  

Buongiorno mondo green, la tartare è una preparazione di carne o pesce crudo tritata finemente al coltello, cui si può aggiungere condimenti o salse, come cipolla, capperi, succo di limone, aceto balsamico. Abitualmente una tartare si serve sopra un toast.

Racconta la leggenda che il piatto prende il suo nome dai tártari delle steppe del centro di Asia, ma in realtà proviene dalla salsa tártara che accompagnava la ricetta originale. Nella cucina piemontese troviamo anche un piatto fatto con carne tritata (battuta al coltello) e aglio, la cosiddetta “carne cruda”. Varie versioni di tartare esistono poi nella maggior parte delle regioni dell’Italia settentrionale. Nella cucina romagnola, ad esempio, la “carne cruda” è un macinato di girello o girello di spalla, lasciato a marinare in abbondante succo di limone, olio d’oliva, sale e pepe.

Noi la abbiamo trasformata in un piatto vegetale, usando il seitan. Il risultato di questa tartare green è molto interessante, provatela.

Yields1 Serving
Prep Time25 minsCook Time15 minsTotal Time40 mins

Ingredienti

 300 g seitan naturale fumé
 qualche rametto di prezzemolo
 1 cucchiaio di capperi
 ½ porro
 20 pomodorini ciliegino
 1 cucchiaino di zenzero in polvere
 1 limone (succo)
 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
 10 mandorle tostate
 1 cucchiaio di aceto di mele
 2 pizzichi di pepe verde secco (macinato fresco)
 1 arancia (succo)
 4 cucchiai di shoyu (salsa di soia)
Guarnizione
 2 mazzetti di rucola
 pane integrale
 erba cipollina

Procedimento

1

Cuocete il seitan con un goccio di olio per almeno 15 minuti, quindi trasferitelo su un tagliere e battetelo al coltello fino a che non sia tritato finemente; unitelo a un battuto leggero di prezzemolo e capperi

2

Mescolate in una ciotola il composto con l’aiuto di una forchetta, conditelo con lo zenzero in polvere, due cucchiai di shoyu, due cucchiai di olio, un cucchiaio di aceto di mele, un pizzico di pepe e fate riposare per qualche minuto

3

Nel frattempo tagliate a pezzettini i pomodorini, tritate il porro molto finemente, conditeli con il restante shoyu, l’olio, le mandorle a scaglie, il succo di arancia e il succo di limone

4

Preparate le guarnizioni: la rucola lavata e asciugata e divisa in foglie senza i gambetti (messa a forma di piccole nuvolette), i crakers o il pane devono essere croccanti, ma non troppo

5

Sistemate nel piatto prima la base di pomodorini e il porro: adagiatevi sopra una porzione di tartara aiutandovi con uno stampo. Disponete la nuvoletta di rucola sopra la tartara e qualche fettina di pane integrale tostato

Ingredients

 300 g seitan naturale fumé
 qualche rametto di prezzemolo
 1 cucchiaio di capperi
 ½ porro
 20 pomodorini ciliegino
 1 cucchiaino di zenzero in polvere
 1 limone (succo)
 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
 10 mandorle tostate
 1 cucchiaio di aceto di mele
 2 pizzichi di pepe verde secco (macinato fresco)
 1 arancia (succo)
 4 cucchiai di shoyu (salsa di soia)
Guarnizione
 2 mazzetti di rucola
 pane integrale
 erba cipollina

Directions

1

Cuocete il seitan con un goccio di olio per almeno 15 minuti, quindi trasferitelo su un tagliere e battetelo al coltello fino a che non sia tritato finemente; unitelo a un battuto leggero di prezzemolo e capperi

2

Mescolate in una ciotola il composto con l’aiuto di una forchetta, conditelo con lo zenzero in polvere, due cucchiai di shoyu, due cucchiai di olio, un cucchiaio di aceto di mele, un pizzico di pepe e fate riposare per qualche minuto

3

Nel frattempo tagliate a pezzettini i pomodorini, tritate il porro molto finemente, conditeli con il restante shoyu, l’olio, le mandorle a scaglie, il succo di arancia e il succo di limone

4

Preparate le guarnizioni: la rucola lavata e asciugata e divisa in foglie senza i gambetti (messa a forma di piccole nuvolette), i crakers o il pane devono essere croccanti, ma non troppo

5

Sistemate nel piatto prima la base di pomodorini e il porro: adagiatevi sopra una porzione di tartara aiutandovi con uno stampo. Disponete la nuvoletta di rucola sopra la tartara e qualche fettina di pane integrale tostato

Tartare di seitan allo zenzero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *